• liberta_1

ANTROPIA scuola di A.Senni

Nsviluppo consapevoleella conferenza di presentazione di “ANTROPÌA”, il prof. Senni l’ha definito un neologismo per rappresentare la sintesi progressiva delle conoscenze scientifiche e tecnologiche, indirizzata verso il benessere delle persone e delle popolazioni, nel rispetto dell’ambiente naturale da cui è possibile trarre energia pulita e rinnovabile. Al contempo, luogo di elaborazione e di indirizzo delle politiche di gestione delle risorse territoriali, a partire dai Comuni che vanno trasformati da centri di costo in centri di ricavo. La grande crisi economica che stiamo attraversando, deve indurci a una svolta abbastanza rapida nei settori strategici del sistema Italia, come le fonti energetiche rinnovabili e la gestione del patrimonio culturale-ambientale. Così come vanno superati gli schemi di un’economia incentrata sulla speculazione finanziaria e sullo sfruttamento del lavoro, che ha finito per rendere gli Stati, cioè i popoli, sottomessi alle logiche bancarie e al “debito pubblico”, per cui chi nasce è già privato dell’inalienabile diritto alla dignità della vita. Antonio Senni, già Direttore al Ministero dell’Ambiente, nutrizionista, ha posto in evidenza il valore etico del rapporto dell’Uomo con l’Ambiente. La spinta alla globalizzazione ha generato un decadimento dei valori nella persona umana. Spiritualità, Umanità e Naturalità devono essere l’orientamento etico della Società. Ecco perché si avverte la necessità di una riconquista dei valori e di una ecologia del bisogno, un nuovo paradigma capace di generare una coscienza sociale multiculturale e multietnica, nella consapevolezza delle identità e della storia civile dei territori. «Occorre una nuova Alleanza dell’Uomo con lo Spirito, dell’Uomo con l’Uomo, dell’Uomo con la Natura».

Antropia scuola


-- Scarica il pdf di questo contenuto --


FacebookTwitterGoogle+Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *